QUANDO LO SPIRITO È AMMALATO

24/2/2002
Esiste lo spirito e se esiste può ammalarsi?
Può sembrare un argomento di nessuna praticità, ma io credo che sia un argomento di estrema importanza e che valga la pena di parlarne e di agire per risolverne i problemi.
L'esistenza della materia non si può negare, è impossibile farlo: pensate a qualcuno che corre verso un muro, nel momento in cui ci sbatte contro prende, dolorosamente, coscienza dell'esistenza del muro e, contemporaneamente, dell'esistenza del proprio corpo.
Dolore fisico, materiale, non è difficile da capire.
Ora ripetiamo l'esempio del muro, ma questa volta, un amico spinge questo qualcuno contro il muro; attraverso il dolore prendiamo coscienza del muro, del nostro corpo, ma, questa volta, c'è qualcosa in più, qualcosa che ci fa sentire dolore, molto dolore, in un punto imprecisato che a volte chiamiamo cuore, ma, proprio per la sua estensione totale, chiamiamo più precisamente "spirito", questo GRANDE dolore nasce dalla domanda: "Perché l'amico mi ha fatto del male, perché una persona che dice di amarmi mi ha procurato dolore?"
Se consideriamo quanto in fretta scompare un livido o si rimargina una ferita fisica e quanto tempo impiega, se mai avviene, a rimarginarsi la ferita che abbiamo ricevuto nello spirito appare evidente sia l'esistenza dello spirito, sia quanto questo nell'economia di un essere umano sia di gran lunga più grande e più importante del corpo.
Può lo spirito ammalarsi e se sì quali sono i sintomi e quali sono i metodi per curarlo?
L'esempio dell'amico che ci spinge violentemente contro un muro mi sembra molto evidente. Vogliamo meditarci un pò sopra?
Quando noi nasciamo, nella stragrande maggioranza dei casi, abbiamo un corpo nuovo, appena uscito dalla "fabbrica", e sempre uno spirito nuovo, puro.
Quello che succede al nostro corpo col passare del tempo è evidente, ma cosa succede alla parte più importante, allo "spirito"?
Lo spirito di un bimbo cerca, anela alla felicità! Cerca l'amore, la fedeltà, l'amicizia, l'onestà, non si accontenta degli avanzi, vuole cose VERE, TOTALI. Cerca il cibo per nutrire lo spirito!
Lo trova?
Nella stragrande maggioranza dei casi no! Trova solo cose parziali, cibo adulterato e a volte veleno mortale.
Ma vuole vivere e, come fisicamente, può accettare, pur di vivere, cibo non genuino, così accetta cibo spirituale adulterato.
A questo punto inizia non a vivere, ma a sopravvivere; passa il tempo e la sua sopravvivenza diventa sempre più difficile sino alla comparsa dei sintomi della malattia dello spirito.
Quali sono i sintomi? Ansia, paura, sensi di colpa, scomparsa del sorriso, visione negativa del futuro, perdita di interessi, superficialità, voglia di dormire, movimenti lenti, perdita di rispetto per se stessi, desiderio di scomparire confondendosi tra la folla amorfa, paura di restare soli con se stessi, ecc. Se avete bisogno di altri sintomi, basta che li cerchiate in voi stessi!
Quando lo spirito si ammala, bisogna correre ai ripari, altrimenti lo SPIRITO MUORE!
Quando state male fisicamente, cercate un medico, un buon medico, un medico dal quale volete essere guariti, non consolati!
Siete ammalati, moribondi nello spirito? State cercando di chiamare il medico, quello giusto?
Il medico, ve lo posso assicurare, esiste! Volete il suo numero telefonico per chiamarlo?